fbpx

I trend del 2018 per essere competitivi nel mondo dei social media

Home > Blog > I trend del 2018 per essere competitivi nel mondo dei social media

I trend del 2018 per essere competitivi nel mondo dei social media

Nel mondo dei social media tenersi al passo coi tempi è difficile in quanto i trend cambiano molto rapidamente, ma allo stesso tempo si rivela essenziale prevedere il mercato per cavalcare i trend ed avere successo in ambito digital.

Non solo seguire, ma anticipare le tendenze

Le aziende stanno cercando in modi sempre diversi di connettersi con il pubblico attraverso le svariate piattaforme digitali. A causa dell’aumento della concorrenza e della riduzione drastica della capacità di attenzione degli utenti, sta diventando sempre più difficile per i brand attirare l’attenzione di un pubblico.

I social media manager sono alla continua ricerca di formule che siano efficienti ed efficaci, elaborando idee che si diffondano velocemente, precedendo la concorrenza, ed allo stesso tempo siano incisive e di qualità, ma soprattutto che producano un seguito o, per utilizzare il termine più appropriato al mondo dei social, un “feed”.

Per questi motivi è di vitale importanza per chi utilizza canali di promozione online, e vuole sfruttare le potenzialità offerte dalle piattaforme social per farsi conoscere senza rimanere indietro, tenersi informati riguardo i frequenti e veloci cambiamenti del mercato digitale, non solo seguendo le tenenze, ma provando ad anticiparle.

Come riuscire ad essere leader del marketing online nel 2018?

Analizzare i trend, comprenderne la direzione e seguire alcuni piccoli consigli che abbiamo riepilogato per aiutarvi nella pianificazione della vostra strategia di social marketing.

Ecco 7 consigli utili per stare al passo con i trend che abbiamo individuato per il 2018:

1. Scegliere le piattaforme più adatte alle proprie esigenze

Negli ultimi anni, sulla scia di Facebook, hanno iniziato a nascere (e continueranno a svilupparsi ogni giorno) svariate nuove piattaforme, alcune più specializzate in determinati ambiti, che si sono diffuse nel mercato creando un panorama sempre più confuso ed affollato nel quale è talvolta difficile orientarsi se non si conosce bene il mondo dei social.
Come individuare, quindi, le piattaforme più adatte alla propria azienda?
La tecnica migliore è quella di selezionare le piattaforme che rispecchiano di più l’essenza del proprio brand, quelle che offrono gli strumenti più adatti ad esprimere al meglio i contenuti che lo rappresentano. Chiedetevi quindi, quali sono i vostri obbiettivi di social media marketing, ed in seguito, selezionate.

2. Contenuti di qualità, non in quantità

Per ottenere più visibilità e seguito, non è consigliabile postare troppo, soprattutto contenuti inutili e non in linea con il brand. Invece di creare contenuti dissonanti ed incoerenti con la propria azienda, è preferibile non condividere nulla, poiché a rimetterci sarà l’immagine del brand. “Post di qualità, non in quantità”, se volete avere successo online, creando contenuti pensati e nella forma adatta alla piattaforma in cui intendete immetterli, sarà l’arma vincente per ottenere visualizzazioni da parte degli user. Investite solo in ciò per cui vale la pena, andare a colpo sicuro seguendo una strategia.

piattaforme social network

3. I contenuti ‘volatili’ invadono il web

Continua la tendenza dei video che ha preso il via nel 2017, e continua la strategia del ‘mobile first’, nel precedente articolo “Perchè il futuro dei social è nei contenuti video“, potrete approfondire l’argomento.
Per quanto riguarda il 2018, il trend dei video si sta rapidamente spostando verso i contenuti cosiddetti effimeri, come gli snap, le stories su Instagram e Facebook, quei video che restano online solitamente per 24 ore dalla loro condivisione e poi spariscono. Questi contenuti sono percepiti come maggiormente autentici, permettono di sfruttare la corrente dello ‘strorytelling’ che sembra essere una strategia comunicativa molto apprezzata dai followers, poiché crea una ‘vicinanza’ rendendo il profilo dell’azienda più umano. I contenuti di ‘flusso’ ovvero con vita breve sembrano avere il maggior tasso di conversione, sia per la loro semplicità e fruibilità, sia per la loro volatilità, in quanto il loro essere così precari aumenta il potenziale di FOMO (paura della perdita, ad esempio di un’offerta).

4. Interazione con i clienti attraverso i ‘Chatbots’

In tema di interazioni più ‘umane’ e vicine agli utenti, arrivano i Chatbots: interfacce progettate per simulare la conversazione umana. L’introduzione di questi software in ambito commerciale si attendeva da molto, hanno iniziato ad essere adottati da parecchie aziende per migliorare la customer experience, infatti si sono rivelati un perfetto strumento per assistere gli utenti 24 ore su 24, instaurando relazioni durature con i clienti e garantendo il supporto online da parte dell’azienda.
Le relazioni con i clienti stanno diventando un tema centrale, secondo le previsioni nei prossimi anni sarà più competitivo chi riuscirà a fidelizzare di più e ad instaurare relazioni umane e di fiducia con gli utenti. Entro il 2018 gran parte delle conversazioni azienda-cliente saranno assistite automaticamente da questi robot, aumentando i profitti grazie al perfezionamento dell’assistenza il miglioramento della soddisfazione del cliente.

chatbot assistenza clienti

5. Live streaming

Sempre per seguire la tendenza dell’autenticità, la diretta streaming consente alle aziende di sintonizzarsi in modo diretto coi consumatori, talvolta permettendo anche la chat in tempo reale. In questo modo è possibile stabilire contatti diretti ed interattivi con li utenti, che sia per fini informativi, commerciali o di puro svago, è utile per attirare l’attenzione e l’interesse dei follower, facendoli sentire maggiormente coinvolti.

6. Realtà aumentata ed intelligenza artificiale

Come già constatato i social network sono ormai piattaforme di comunicazione in cui i contenuti ‘visual’ stanno ottenendo la maggioranza di visualizzazioni, avendo perciò un potere più persuasivo. Questi non potevano che essere i presupposti per l’inizio della diffusione di software che sfruttano la realtà aumentata per le strategie di marketing. La realtà aumentata ha già preso piede nel mondo dei video giochi, ma sono stati già sviluppati strumenti per il riconoscimento delle immagini attraverso la ricerca visiva e app in grado di proiettare immagini virtuali in ambienti reali, attraverso l’utilizzo della fotocamera, utile ad esempio per le aziende che si occupano di design di interni e arredamento come IKEA. Presto tutte le principali piattaforme social provvederanno ad aggiornarsi per garantire esperienze di realtà aumentata agli utenti.

realtà aumentata smartphone arredamento

7. Utilizzare solo influencer esperti

Il social marketing attuato attraverso delle figure di riferimento che influenzano il mercato ed i follower continua anche nel 2018, in quanto si è rivelato per molti brand un metodo funzionante per procacciare clienti e comunicare la propria immagine.
Nel 2918, però, si è iniziato a ricercare maggiore qualità anche per quanto riguarda queste figure: negli ultimi tempi sempre più brand hanno collaborato con influencer scegliendoli per il numero di follower sui social, non mirando alla pertinenza e alla coerenza tra la figura scelta e il proprio prodotto. A lungo andare queste figure hanno perso di credibilità e i consumatori hanno smasso di porre fiducia nella loro opinione.
Le aziende hanno iniziato a ponderare e scegliere con più cura gli influenzatori a cui affidare la promozione della propria immagine e dei loro prodotti: d’ora in poi saranno veri esperti, figure autorevoli nel settore in cui operano e in grado di guadagnarsi fiducia e stima da parte dei consumatori.

Non sapete come muovervi? Affidatevi a dei professionisti

Se non si possiede una buona cultura digitale, non si conosce bene il mondo dei social media e non si ha una chiara visione di quelle che possono essere le migliori strategie per la promozione del proprio brand, meglio affidarsi a dei professionisti, dei social media manager possono occuparsi di tutto il lavoro che concerne la pubblicità e l’immagine del vostro brand online, facendovi raggiungere ottimi risultati in termini di notorietà, credibilità, acquisizione nuovi clienti e visibilità. Vi basterà stabilire gli obbiettivi che volete raggiungere e con quale budget, in poco tempo inizierete a constatare risultati concreti, non solo in termini di visibilità, ma anche di profitti.

By | 2018-09-06T17:19:41+00:00 7 febbraio 2018|JWeb Studio|