Una nuova indagine svolta dall’Università di Milano Bicocca ha analizzato le ultime strategie social adottate dalle aziende italiane per fare marketing nel corso dell’anno 2016.
Cosa è emerso da questa indagine?

Facebook vince tutto

A fare la parte del leone, ovviamente, è sempre Facebook. Il social network di Mark Zuckerberg è sempre quello più famoso ed utilizzato da parte delle aziende, che domina incontrastato fra gli altri canali social, anche se non cresce e non cala. Sia per il 2016 che per il 2017 ad utilizzarlo è ben il 95% delle aziende intervistate.
È interessante inoltre notare come sempre più spesso questo canale venga utilizzato non solo per sé stessi, ma anche per monitorare la concorrenza e le strategie che adotta.
Certamente parte del suo successo si deve anche al fatto che la pagina aziendale su Facebook sia sempre di più un’estensione del sito internet aziendale; basti pensare alla chat che dà la possibilità di rispondere immediatamente alle domande dei clienti oppure alle nuove vetrine, che consentono di mostrare ai fan i singoli prodotti del proprio catalogo, in modo sempre più simile ad un e-commerce.

Gli altri social media

Twitter, il social network dei 140 caratteri, si attesta al secondo posto in leggera flessione, con 6 punti in meno rispetto al 2016. Anche Google + scende di 7 punti.
La vera rivoluzione qua la fanno Instagram e LinkedIn, cresciuto di ben 40 punti il primo (dal 29 al 69%) e di 19 il secondo (dal 45 al 64%). Anche Youtube segna una crescita rispetto all’anno precedente, aumentando di 11 punti.
Da questi dati emerge quindi un uso consapevole e strategico dei social media, a cui le aziende decidono di dedicarsi dopo una attenta analisi e scegliendo di investire solo nei canali che ritengono più indicati per la propria attività.

La ricerca segnala infine come gli intenti delle aziende siano cambiate: se in passato si dava più importanta all’economicità dei social media per promuovere la propria azienda, adesso la priorità si è spostata sul creare un rapporto coi propri clienti, dare un servizio migliore (ad esempio il customer care immediato tramite commenti e chat) e migliorare la brand awareness e reputation.


☛ Leggi anche: Perché ogni attività dovrebbe utilizzare i canali Social