Omnichannel: cosa significa e perché è essenziale per vendere

Home > Blog > Omnichannel: cosa significa e perché è essenziale per vendere

Omnichannel: cosa significa e perché è essenziale per vendere

Nel 2018 possiamo affermare con sempre più certezza che i metodi, le forme e i luoghi di acquisto di un prodotto o servizio stanno cambiando e si stanno evolvendo.

I canali di vendita sono molteplici, molte volte si intrecciano, altre volte si intralciano, ma resta il fatto che sono tutti estremamente ed ugualmente importanti.

Ognuno di essi singolarmente non basta più, bensì devono essere visti come complementari tra loro in un unico disegno aziendale strategico.

Cosa significa Omnichannel

Quante volte vi è capitato di sentir parlare di persone che iniziano a cercare un prodotto o servizio da un dispositivo e poi lo acquistano da un altro? E quante altre di clienti che cercano un prodotto online e poi lo acquistano in negozio, o al contrario, lo provano in negozio e poi lo acquistano online?

Tutto questo è perfettamente normale al giorno d’oggi, ma soprattutto è positivo ed è giusto comprendere che la moltitudine e la varietà di canali deve essere sfruttata per ampliare le proprie vendite, avendo a disposizione molti più strumenti per raggiungere i clienti attuali e futuri.

Con il termine ‘omnichannel’ si intende una strategia di vendita che utilizza molti canali diversi, online e offline, integrandoli tra di loro al fine di rendere l’esperienza del cliente quanto più migliore possibile, trasmettendo tutte le informazioni e le agevolazioni necessarie affinché questo effettui un acquisto e ne sia soddisfatto.

La strategia ‘dei molti canali’ prevede che tutte le informazioni, quali prezzi, caratteristiche, modalità d’acquisto, siano coerenti tra loro in tutta la rete di vendita, così da evitare che l’esperienza d’acquisto sia sconnessa e confonda l’utente
strategia omnichannel per un'azienda più efficiente.

Il divario tra canali online e offline

Una delle questioni più accese degli ultimi tempi è rappresentata dalla ‘lotta’ tra online e offline.

Da quanto gli e-commerce hanno preso il via ed hanno iniziato ad essere sempre più utilizzati, i negozi fisici si sono sentiti minacciati, vedendoli d’intralcio per le loro vendite e considerando il cambiamento del mercato a loro svantaggio.

omnichannel retail-canali per vendere

D’altra parte le aziende, dal boom dell’e-commerce, tendono a non lasciar spazio alle vendite offline, puntando tutto online.

Ciò che è utile comprendere è che non deve esserci competizione tra i canali, bensì collaborazione in quanto l’obbiettivo finale è lo stesso e viene raggiunto in modo più efficiente sfruttando tutte le potenzialità ed i mezzi a disposizione.

La strategia vincente per un’azienda è non preferire alcun canale e soprattutto non vederli come separati ed indipendenti, bensì coniugare tutti i vari canali facendoli comunicare e collaborare.

Il fatto di perfezionare la user experience online permette di vendere molto di più anche offline, abbattendo i costi relativi al personale, in quanto i consumatori arrivano nel punto vendita già informati e pronti a comprare.

La parte cruciale sta proprio nella coerenza nel fornire informazioni e la pianificazione considerando i canali in modo integrato, così che uno supporti l’altro per arrivare insieme ad un unico risultato: la conclusione di un acquisto.

L’importanza di lavorare con più canali

Un’azienda al giorno d’oggi, come avrete già sentito ribadire più volte, deve essere presente in tutti i canali, offrendo i propri prodotti e servizi in tutte le modalità che, a seconda della tipologia di attività e target, possono permetterle di espandersi nel mercato.

collaborazione e integrazione dei canali sono la strategia vincente per un'azienda che vuole vendere

È un’opportunità quella di avere più rami di vendita, poiché vengono messe a disposizione molte alternative per raggiungere i consumatori.

Possedere un sito e-commerce non basta più, come non basta avere solo punti vendita fisici: a seconda della propria attività, dei propri obbiettivi e del target bisogna iniziare a valutare tutte le possibilità offerte (Facebook, Instagram, Amazon, web, eBay, …) per mettere a disposizione degli utenti interessati al vostro brand una User Experience ottimale e completa.

Tutto questo è da valutare in fase di pianificazione strategica, analizzando la propria azienda, il proprio target, il prodotto o servizio che si offre e tutti gli altri fattori essenziali a comprendere come sia meglio muoversi.

Se ad esempio il vostro target è particolarmente vecchio e ‘poco tecnologico’, forse potrebbe non essere utile avere un e-commerce, ma dall’altra parte potrebbe invece risultare interessante aprirsi ad un nuovo target, aumentando il vostro bacino di vendite ai giovani o magari all’estero.

In un altro caso potrebbe invece essere una mossa vincente ottimizzare i social, per far conoscere l’azienda, la propria storia ed i propri valori, fornire tutte le informazioni necessarie a soddisfare le domande dei consumatori (o potenziali) e prepararli alla conversione sull’e-commerce o nel punto vendita fisico.

Insomma, le possibili strategie e combinazioni sono infinite, basta solo capire quali siano le migliori in ogni caso specifico.

5 passaggi per acquisire un approccio omnichannel

Come dovrebbe procedere un’azienda che desidera rendere efficiente la sua strategia di vendita ed espandersi?

Sia che abbiate un’azienda nuova non ancora presente online, sia siate già presenti in alcuni canali, sono 5 i passaggi essenziali da seguire:

1. Conversione digitale: la prima cosa (e forse la più difficile) è cambiare mentalità, iniziare a pensare digitale e proiettarsi nel mondo dell’innovazione. Comprendere che il mercato sta cambiando e continuerà a farlo, vi aiuterà ad essere più flessibili e cavalcare le novità. Cambiare il modo di pensare di un’azienda non è semplice, come non lo è far collaborare tutti, ma con la giusta comunicazione sarà possibile ottenere risultati stupefacenti.

comunicazione e collaborazione alla base

2. Lavoro di squadra e formazione: come accennato nel punto precedente, la collaborazione è il collante di tutte le parti e per attuare una strategia omnichannel è importante sviluppare un team che comunica e collabora proiettato verso un obbiettivo comune.
La formazione inoltre, serve a far comprendere a tutti come utilizzare strumenti e tecnologia ne modo migliore ed ottimale.

3. Pianificare una strategia unica: nel momento della pianificazione della strategia aziendale, dovete vedere tutti i vari canali nell’insieme, creando una rete unica ed intrecciata. Se i vari canali non sono connessi tra loro, non vi sarà coerenza.

4. Esperienza online user-friendly: l’esperienza dell’utente online deve essere semplice, chiara e veloce. Un potenziale consumatore deve riuscire a trovare tutte le informazioni subito e senza far fatica, altrimenti ci metterà un attimo a spostarsi dalla concorrenza. Ricordatevi che online vi confrontate con i top players come Amazon o grandi catene, quindi assicuratevi di garantire un’esperienza online ottimale.

5. Monitorare e ascoltare: monitorare sempre ogni attività serve a comprendere se vi state muovendo verso la strada giusta o se dovete cambiare strategia. È importante trovare dei metodi di monitoraggio delle conversioni online e offline, per capire da dove provengono le vendite, da dove il traffico e soprattutto cosa non funziona come dovrebbe.
Inoltre ascoltare gli utenti, sia clienti che non, vi aiuterà a migliorarvi e capire cosa sbagliate.

2018-04-11T10:37:13+00:00 6 aprile 2018|Categories: Web Marketing|Tags: |