fbpx

Come gestire il tuo ecommerce in maniera efficace

Jweb Studio > Blog > Come gestire il tuo ecommerce in maniera efficace

Come gestire il tuo ecommerce in maniera efficace

Hai finalmente ultimato lo sviluppo del tuo sito ecommerce, ci hai messo molto tempo per definirlo al dettaglio, così che sia perfetto e rappresenti al meglio la tua azienda, ma… è finita qui?

Ebbene no, il più del lavoro deve ancora iniziare!

Creare un ecommerce è solo l’inizio, come quando si acquista una struttura, un’edificio, uno stabile che farà da sede all’attività.

Allo stesso modo il sito ecommerce è il tuo negozio fisico, una volta costruito arriva il vero lavoro: la sua gestione.

Continuando ad immaginare il nuovo sito come un immobile, contenitore dei prodotti da vendere, risulta semplice comprendere che una volta creato, ‘arredato’ ed avviato, bisogna iniziare a gestirlo e quindi dare inizio alla vera e propria attività commerciale.

L’ecommerce è la vetrina del negozio, espone i prodotti o servizi ai clienti che lo visiteranno in un contesto più ampio, nazionale o mondiale.

Tra le principali azioni che si compiono normalmente all’apertura di un negozio vi sono ad esempio l’assunzione di personale, l’assegnazione di compiti, l’esposizione dei prodotti nuovi, l’assistenza ai clienti, la pubblicità, ecc.
Quali sono invece le azioni da svolgere per gestire un e-commerce nel migliore dei modi?

Ecco 5 elementi fondamentali da non trascurare per avviare un ecommerce efficace ed efficiente:


Leggi anche:”Perché il tuo ecommerce non vende abbastanza: le 10 cause


5 consigli per la gestione efficace del tuo e-commerce

Di seguito vedremo come organizzare la gestione di un ecommerce internamente in modo che sia sempre curato, user-friendly, efficiente e soprattutto funzionale alla vendita.

1. Assistenza al clientecustomer care assistenza cliente

Conosciuta anche come ‘customer care‘, l’assistenza al cliente consiste in tutte quelle operazioni atte ad aiutare il cliente o potenziale cliente prima, durante e dopo l’acquisto.

Il cliente, o potenziale cliente, prima di fare l’acquisto può aver bisogno di consulenza, consigli, supporto ed nel caso di negozio online sfrutterà i canali a sua disposizione per contattare gli addetti.

Al momento della creazione del sito è utile installare una chat (se si ha la possibilità di gestirla) la quale si aprirà come finestra ad ogni accesso al sito facendo sapere al visitatore che siete a sua disposizione per ogni eventuale dubbio.

In alternativa il consumatore potrà inviarvi una mail, un messaggio su Facebook, Instagram o qualunque altro canale gestito per porre domande o chiedere assistenza.

È fondamentale che vi sia sempre un addetto pronto a rispondere tempestivamente a richieste, domande, lamentele o altro, così da mantenere sempre il servizio di customer care soddisfacente, non perdere clienti e non intaccare la reputazione del brand.

2. Gestione del sito e SEOgestione-sito-e-SEO

Per gestire un sito ecommerce in maniera efficiente e professionale è necessaria una figura competente in grado di usare il pannello di controllo, eseguire eventuali aggiornamenti, curare il design, la SEO, ecc…

Chi si occupa della gestione della piattaforma deve essere in poche parole consapevole di cosa deve fare per migliorarne sempre di più le performance ed agevolarne l’usabilità.

Una persona inesperta potrebbe commettere errori come caricare immagini troppo pesanti, modificarne la struttura erroneamente o altro, andando ad incidere negativamente sulla SEO.

Inoltre, è fondamentale l’analisi, la pianificazione delle operazioni, il controllo periodico dell’andamento del sito e dei risultati ottenuti.

Ciò permette di crescere continuamente, essendo consapevoli di cosa funziona bene e cosa invece andrebbe migliorato o implementato.

Infine, questa figura si occuperà della pubblicizzazione dell’attività, delle sponsorizzazioni nei social e di tutte le altre operazioni atte ad aumentare visibilità e fatturato.

3. Inserimento contenuti e prodotticontenuti-e-schede-prodotto-ecommerce

Testi, foto, video o altre tipologie di contenuti sono utilissimi per arricchire il proprio ecommerce, ma devono essere inseriti con criterio.

I contenuti sono infatti il mezzo con cui puoi comunicare con gli utenti (nonché possibili futuri clienti).

In un negozio fisico ci sono i commessi, i quali seguono il cliente, lo informano, gli spiegano le caratteristiche del prodotto e rispondono alle domande.

Online come si fa? Si deve descrivere più dettagliatamente possibile il prodotto in questione, sfruttando ogni mezzo a disposizione: dati, esempi, tabelle, descrizione analitica, foto, video, ecc..

Più il cliente verrà informato, meno domande porrà a se stesso ed a te, inoltre si sentirà più sicuro ed effettuerà più velocemente l’acquisto.

Oltre alle schede prodotto è importante arricchire il sito con descrizioni dell’azienda, del team, dei valori aziendali o qualsiasi altra informazione per te importante.

Tenere una sezione blog è importante per inserire sempre contenuti nuovi, approfondire argomenti, comunicare novità dell’azienda o del settore, mostrare che il sito è continuamente aggiornato e che dietro vi sono persone che ci lavorano attivamente.

Non dimenticare che i contenuti sono la chiave per il posizionamento e la visibilità nelle ricerche di Google (per saperne di più leggi: Posizionamento su Google: Cos’è e come funziona l’algoritmo).

4. Gestione fornitori e consegne

A seconda della tipologia di prodotti venduti, è essenziale organizzare nel modo più efficiente possibile le consegne, così che il cliente abbia il suo acquisto nel modo più veloce e meno costoso.

Quando si apre un ecommerce ci si trova di fronte a diverse scelte come ad esempio a chi affidare le consegne, da chi rifornirsi (se la produzione non è propria), chi si occuperà della logistica, dell’imballaggio, ecc…

Tutte queste decisioni sono alla base dell’organizzazione e spesso è necessaria una figura specifica che si occupi della logistica, imballaggi e spedizioni.

Se la tua azienda vende prodotti freschi e che devono essere consegnati in tempi brevissimi la questione si complica ancor di più in quanto dovrai trovare una soluzione che garantisca tempi, qualità e non ti comporti spese troppo alte.

5. Imballaggio, confezioni, mail marketing

fornitori-e-spedizioni

Non bisogna mai sottovalutare l’importanza del packaging in quanto offre grandi vantaggi al proprio brand de sfruttato nel modo giusto.

Personalizzare i pacchi con il proprio marchio, colori o con un biglietto non costa molto in termini di tempo o costi, ma comporta grandi vantaggi all’azienda: conferisce forza al proprio brand rendendolo sempre riconoscibile lasciando un ricordo nei clienti o le persone che lo vedono.

Si può inserire nel pacco un buono sconto per il seguente acquisto, un biglietto con istruzioni per l’uso, un gadget; le possibilità sono infinite e permettono di fidelizzare il cliente.

Un’altra possibilità è quella di automatizzare un invio di mail alla consegna del pacco con un ringraziamento, un questionario di soddisfazione, un coupon o qualunque altra idea ti venga in mente.

 


Il tuo e-commerce non performa quanto vorresti? Contattaci per una valutazione senza impegno: analizzeremo il tuo sito e ti aiuteremo ad aumentare il tuo fatturato con interventi mirati e personalizzati.

Contattaci per un preventivo gratuito

 

By | 2019-09-18T11:28:46+00:00 30 agosto 2019|E-commerce|