fbpx

Blog negli e-commerce: perché serve e come sfruttarlo

Jweb Studio > Blog > Blog negli e-commerce: perché serve e come sfruttarlo

Blog negli e-commerce: perché serve e come sfruttarlo

Togliamoci subito il dubbio: serve creare e dedicare del tempo per gestire un blog nel proprio e-commerce?
A meno che voi non siate Amazon, E-Bay o Zalando, la risposta è senza alcuna ombra di dubbio sì.

Avere una forte presenza sul web dovrebbe essere la main mission per qualsiasi ecommerce presente sul web.

Investire sul design e l’user experience del proprio sito, e successivamente su campagne di online advertising, email marketing e social media marketing potrebbe non essere sempre sufficiente, e soprattutto rappresenta un costo continuo.

Il blogging per ecommerce, invece, se fatto con strategia, è capace di trainare le vendite del sito aumentando enormemente la sua visibilità online ed il suo valore percepito dagli utenti.


Leggi anche: Perché il tuo ecommerce non vende abbastanza: le 10 cause


Vediamo quindi a cosa serve e come sfruttare al massimo il blog del nostro e-commerce.

A cosa serve il blog negli e-commerceblogging

Tra gli effetti positivi del blog, ed in particolare del blog in un e-commerce, troviamo senz’altro:

Migliorare la visibilità online generando nuove parole chiave

Poniamo che un nostro ipotetico ecommerce venda tè e tisane e che sia ben posizionato per keyword prettamente commerciali, quali “vendita tisane online”, “tè matcha online” ecc, ovvero che già abbia un ottimo posizionamento SEO per le proprie keyword di riferimento.

Se si vuole puntare ad ottenere un buon posizionamento con la keyword “tè matcha”, che da sola genera 720 ricerche mensili contro le appena 30 di “tè matcha online”, sarà estremamente difficile per non dire impossibile ottenere il posizionamento in prima pagina con la pagina del prodotto che vendiamo. Perché?

Keyword commerciali vs. informazionali: dall’informazione alla vendita

La keyword “tè matcha” è una keyword informazionale, ovvero una keyword che le persone utilizzano per apprendere maggiori informazioni sul tè in sé, ma non sono (ancora) intenzionate ad acquistarlo. Se non lo conoscono, vorranno sapere cosa è e che proprietà ha, quali usi se ne possono fare o come prepararlo, mentre solo quando avranno deciso di volerlo acquistare cercheranno “tè matcha dove acquistarlo” o “tè matcha vendita online”.

Il nostro obiettivo sarà far trovare entrambe le risposte alle medesime ricerche sul nostro e-commerce, convertendo le ricerce informative in vendite.

Questa è infatti la prima pagina che Google ci dà in risposta alla keyword tè matcha:

Che funzione ha il blog in tutto questo?

Con un articolo ben strutturato e ben scritto sull’origine del tè matcha, gli usi, la preparazione, i benefici che si ottengono consumandolo ecc, forniamo ai motori di ricerca un risultato che può essere maggiormente in linea con ciò che gli utenti cercano quando digitano “tè matcha”, aumentanto esponenzialmente le possibilità di ottenere un buon posizionamento per quella keyword informazionale. Starà poi a noi e al nostro ingegno saper indirizzare il visitatore dall’articolo del blog alla pagina di acquisto del té matcha.

Migliorare il posizionamento SEO dell’e-commerce

Come detto nel punto sopra, gli articoli del blog vanno a posizionarsi per una serie di keyword informazionali. Non una, bada bene, ma decine, centinaia, anche migliaia di keyword possono essere generate e posizionate grazie ad un singolo articolo. A maggior ragione per quanto concerne le keyword cosiddette “longtail” o a coda lunga, formate cioè da più parole e generalmente molto specifiche (ad esempio “benefici del té matcha bevuto a colazione”).

Ti portiamo l’esempio di un articolo che abbiamo scritto per la nostra azienda, Jump Computer, ormai diversi mesi fa: oltre 300 keyword posizionate con un solo articolo, in continua crescita (pensa che a gennaio erano poco più di 200):

Keyword posizionate per un singolo articolo del blog

Un nostro articolo che ha generato (finora) più di 300 nuove keyword

Fornire informazioni utili all’utente

Il blogging nell’e-commerce consente di trattare argomenti aggiuntivi e di carattere più pratico rispetto al solo ecommerce, come ad esempio fornire un elenco di ricette realizzabili con un dato utensile da cucina, che “casualmente” vendiamo nel nostro ecommerce. In alternativa, per un altro settore, possiamo scrivere un articolo di suggerimenti su cosa fare quando il nostro smartphone è in blocco (problematica molto comune e ricercatissima) e a fine articolo proporre gli smartphone che vendiamo.

Consolidare e aumentare la notorietà del brand

Scrivere contenuti originali sul medesimo argomento (in questo caso il tè matcha) ti farà percepire, sia agli occhi dei motori di ricerca che degli utenti, come un esperto del settore, migliorando oltretutto il posizionamento organico.

Aiutare l’utente nella fase pre-acquisto

Generalmente, prima di un acquisto su internet le persone si informano online e leggono recensioni. Ciò si verifica a maggior ragione se il prezzo dell’oggetto da acquistare è medio-alto o alto.

Come possiamo sfruttare questa occasione? Con articoli riguardanti recensioni, comparazioni con altri prodotti o classifiche: “i 10 migliori smartphone del 2019”.

Aggiornare gli utenti con le ultime novità

Hai una promozione speciale che vuoi comunicare ai tuoi clienti, o presentare la nuova collezione dei tuoi prodotti? Un articolo sul blog è esattamente quello che fa per te.


Leggi anche: “Come gestire il tuo ecommerce in maniera efficace


5 consigli per il blog di un ecommerce vincentecalendario-editoriale-blogging-ecommerce

1. Struttura un buon piano editoriale a monte

Prima di partire in quarta con decine di contenuti alla rinfusa, è bene pensare alla struttura da dare al nostro blog, che dovrà seguire una alberatura ben precisa, esattamente come il nostro sito.

Struttura categorie e tag, dopodiché passa alle tematiche da affrontare in ciascuno di essi ed alla cadenza con la quale pubblicare i nuovi contenuti.

2. Meglio (pochi) articoli di qualità che (tanti) articoli riempitivi

Nel blogging non è importante con quale frequenza vengono pubblicati i nuovi contenuti (purché non si parli di buchi eccessivi di parecchi mesi!), ma piuttosto quanto questi sono rilevanti per gli utenti in generale.

3. Offri un valore aggiunto

A meno che il tuo e-commerce tratti prodotti estremamente di nicchia, è estremamente probabile che sul web siano presenti altri articoli che trattino lo stesso argomento dei tuoi.

Ciò non è un problema per settori non eccessivamente competitivi: l’importante è offrire una visione completa e soprattutto originale dell’argomento che vuoi trattare, così da venir premiato sia dai motori di ricerca, che troveranno nel tuo articolo nuove tematiche non trattate dagli altri, e sia dagli utenti che saranno invogliati a continuare la lettura.

4. Alterna la tipologia degli argomenti trattati

D’accordo, abbiamo un e-commerce di corsi di lingue online e seguiamo un blog che tratta gli aspetti più tecnici di ogni lingua che proponiamo… Ma perché ogni tanto non trattiamo argomenti più leggeri e fruibili da un maggior numero di persone, che magari non hanno ancora in mente di apprendere una nuova lingua?

Un articolo come “Lavorare in Svezia: cosa sapere prima di partire” può essere utilissimo per dare consigli generali e dare una maggior enfasi alla conoscenza linguistica: “visto che vuoi trasferirti in Svezia per una nuova vita, perché non partire avvantaggiato con la lingua? Con il nostro corso online di svedese riuscirai ad avere le basi della lingua in sole X settimane!”.

Un altro ottimo motivo per valutare articoli diversi dal solito è il volume di ricerca: “Lavorare in Svezia” genera infatti 720 ricerche mensili. Mica male, no?

5. Aggiungi i link per agevolare l’utente (e Google)

Utili all’utente che non dovrà barcamenarsi fra le varie pagine del vostro sito, o uscire dallo stesso appena finita la lettura dell’articolo, nonché essenziali per migliorare il posizionamento di tutto l’e-commerce, i link sono pratici, chiari e belli da inserire per arricchire i vostri articoli: usateli sempre! (ma con giudizio) 🙂


Desideri aumentare la visibilità e le vendite del tuo e-commerce, magari proprio attraverso la creazione di contenuti in un blog, e magari non hai il tempo o le competenze necessarie per occupartene da solo?

Contattaci
By | 2019-10-23T17:26:38+00:00 23 ottobre 2019|E-commerce|